Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Premendo il pulsante di accettazione acconsenti all’uso dei cookie.
Banner
Banner

 


- RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO -

 

 

Settembre con le Seggiole

 

- Venerdì 07 Settembre - ABBAZIA DI BADIA A SETTIMO - "Badia a Settimo - porta della città" - REPLICA STRAORDINARIA

- Martedì 11 e 25 Settembre - MUSEO DI CASA SIVIERO - "Giorgio Castelfranco e la sua casa" - PRIMA NAZIONALE ASSOLUTA - Ingresso Gratuito

- 14-15 e 16 Settembre - VILLA MEDICEA DI POGGIO A CAIANO - "Un salto nel passato" - Viaggio Teatrale all'interno di Villa Ambra

- 14-15 e 16 Settembre - VILLA MEDICEA DI POGGIO A CAIANO - "Le burle e facezie del Piovano Arlotto nella Cappellina di Villa Ambra

- 15 E 16 Settembre - GIARDINO DELL'IRIS - Aperitivo con Shakespeare - a cura di Prelandra Teatro

- Domenica 23 Settembre - ACCADEMIA DELLA CRUSCA - "Sao ko ke le terre.... piccola storia della lingua italiana" - Spettacolo da confermare

- 28-29 e 30 Settembre - VILLA MEDICEA DELLA PETRAIA -  "I salotti di Firenze capitale"

Abbazia dei Santi Lorenzo e Salvatore a Settimo

Badia a Settimo - Firenze

 

REPLICA STRAORDINARIA

Venerdì 07 Settembre

ore 20,00 e 21,30

 


BADIA A SETTIMO

PORTA DELLA CITTÀ

Viaggio teatrale itinerante all’interno
dell’Abbazia di Badia a Settimo

 


Terzo anno di repliche

 

Info e prenotazioni dalle ore 14,00 al n: 333 2284784

Biglietti: Intero 18,00 euro – Ridotto Cral Già Banca Toscana 15,00 euro

Spettacoli per gruppi di 50 persone

Due gruppi per sera

con inizio alle ore 20.00 e alle 21,30

 

MUSEO DI CASA SIVIERO

Firenze - Lungarno Serristori 1

 

11 e 25 Settembre 20,30 e 21,30

 

GIORGIO CASTELFRANCO E LA SUA CASA

Vite e cultura spezzate dalle leggi razziali

 

Prima Nazionale Assoluta

Ingresso Gratuito


con prenotazione obbligatoria

tutti i giorni dopo le 14,00 al n. 333 22 84 784 

 

 

Giorgio Castelfranco e la sua casa:
Vite e cultura spezzate dalle leggi razziali

Nel periodo fra le due guerre, il Villino di Lungarno Serristori, oggi Museo Casa Siviero, fu l’abitazione di un grande intellettuale, critico e storico dell’arte: Giorgio Castelfranco.

Sin da giovanissimo Giorgio Castelfranco si appassionò alla pittura dell’allora quasi sconosciuto Giorgio de Chirico, ne divenne suo amico e poi nei primi anni Venti, fu suo mecenate, promotore, critico e agente commerciale.

Il padre della metafisica e suo fratello Alberto Savinio, furono ripetutamente e per lunghi periodi ospiti nel Villino Castelfranco e vi eseguirono importanti opere.

Le leggi razziali sconvolsero la vita della famiglia Castelfranco che fu costretta a fuggire e a vendere quanto di più prezioso possedeva, come Le Muse inquietanti e altri 35 capolavori di De Chirico.

Dopo l’8 settembre del 1943, Giorgio Castelfranco raggiunse i territori già liberati dell’Italia meridionale e fu incaricato di occuparsi della protezione del patrimonio artistico italiano durante la fase finale della guerra.

Terminato il conflitto, Castelfranco collaborò con il suo amico Rodolfo Siviero al recupero delle opere d’arte che erano state trafugate in Germania.

Queste vicende sono rivissute attraverso le testimonianze scritte di vari personaggi, tra i quali lo stesso Giorgio Castelfranco e i suoi familiari, De Chirico, Savinio, Siviero, che la Compagnia delle Seggiole ha raccolto, selezionato e organizzato in una lettura appassionante e drammatica.

 
 

VILLA AMBRA
VILLA MEDICEA DI POGGIO A CAIANO

 

14-15-16 SETTEMBRE 2018
ASSEDIO ALLA VILLA

 

UN SALTO NEL PASSATO
Viaggio Teatrale all’interno di Villa Ambra
partenze: 21,00 e 22,00

*********

“LE BURLE E FACEZIE DEL PIOVANO ARLOTTO
NELLA CAPPELLINA DI VILLA AMBRA ...”
partenze: 20,00—20,30—21,00—21 30

 

Gli spettacoli sono gratuiti
con prenotazione obbligatoria
al n . 055 8798779


Sarà richiesto, per i non residenti un contributo di 6,00 euro per l’accesso alla manifestazione ASSEDIO ALLA VILLA presente nei tre giorni indicati,  su tutto il territorio di Poggio a Caiano. 

 

info: www.assedioallavilla.it  

 

  

 

 

Dopo il successo dello scorso maggio,
volentieri segnaliamo
una produzione curiosa e originale degli amici di Perelandra Teatro

 

APERITIVO CON SHAKESPEARE
Passeggiata teatrale pomeridiana
nel giardino dell’Iris


NUOVE SCENE

 

sabato 15 settembre 2018 ore 17.30
domenica 16 settembre 2018 ore 17.30

 

Spettacolo riservato a gruppi max 50 persone
INFO E PRENOTAZIONI  
dopo le ore 14,00 al n. 331 64 46 433
oppure tramite  e-mail perelandrateatro.gmail.com

Ingresso 15 euro, incluso aperitivo

 

Sorseggiare un prosecco ascoltando i moniti delle Streghe di Macbeth?  Mangiare uno stuzzichino con Falstaff e Amleto? Tutto questo diventa possibile con Aperitivo con Shakespeare una commedia irriverente in cui i personaggi scespiriani si avvicendano nel Giardino dell’Iris per un pomeriggio teatrale davvero speciale.
Dopo Shakespeare a Colazione, Perelandra Teatro torna nel Giardino dell’Iris con scene nuove di zecca. Giulietta, Titania e altri celebri personaggi del teatro elisabettiano vi aspettano, tra bisbetiche domate, dialoghi e sonetti. Gli attori si avvicendano portando sulla scena dialoghi e monologhi tratti da “Molto Rumore per Nulla”, “Come vi Piace“, “Le Allegre Comari di Windsor” e altri classici: a fare da cornice, una compagnia di girovaghi che intrattiene il pubblico con i Sonetti del Bardo e una vera colazione, con tanto di aperitivo: amore, teatro, poesia e… un altro calice di spumante, grazie!


Con
Chiara Macinai, Francesco Mancini, Marco Bianchini,
Verdiana Maria Dolce, Roxana Elena Iftime e Francesco Barilli

 

Testo di Francesco Barilli
Scene tratte dalle opere di William Shakespeare
Regia di Chiara Macinai
Durata: 45 minuti circa


Catering a cura della Pasticceria Gualtieri – Firenze

La Società Italiana dell’Iris Città di Firenze ospita l’evento

 

 

DOMENICA 23 SETTEMBRE - ORE 21,00

 

ACCADEMIA DELLA CRUSCA
Firenze - Via di Castello 46

 

SAO   KO  KELLE  TERRE…
...piccola  storia  della  lingua  italiana

di Marcello Lazzerini

e visita all’Accademia della Crusca

 

Spettacolo da confermare.

Appena lo sarà, diffonderemo tutte le informazioni necessarie

 

VILLA MEDICEA DELLA PETRAIA

Via della Petraia 38 – Castello - Firenze

 

28-29-30 Settembre
19,30 - 20,30 - 21,30

 

I SALOTTI DI FIRENZE CAPITALE

di Marcello Lazzerini

Conversazione (in)credibile con Edmondo De Amicis

Viaggio Teatrale nei “Salotti” della Petraia

con brani e musica d’epoca eseguiti dal vivo

 

 

La Compagnia delle Seggiole

L’Associazione Amici dei Giardini e delle Ville Medicee

L’Accademia della Crusca

Il Quartiere 5 del Comune di Firenze

Il CRAl Già BT

 

presentano

 

I SALOTTI DI FIRENZE CAPITALE

di Marcello Lazzerini

Conversazione (in)credibile con Edmondo De Amicis
e

Viaggio Teatrale nei “Salotti” della Petraia

con brani e musica d’epoca eseguiti dal vivo

 

VILLA MEDICEA DELLA PETRAIA

Via della Petraia 38 – Castello - Firenze

 

28-29-30 Settembre 2018

Spettacolo riservato a gruppi di 40 persone

con inizio alle ore:19,30 - 20,30 – 21,30

 

Regia di Sabrina Tinalli

Costumi di Giancarlo Mancini

 

Con (in ordine alfabetico)

Marcello Allegrini, Fabio Baronti, Luca Cartocci,

Marcello Lazzerini, Sabrina Tinalli, Silvia Vettori

 

Ricerca musicale curata e cantata da Cinzia Borsotti

Antonino Siringo al pianoforte

 

Spettacolo riservato a gruppi di 40 persone

Inizio 19,30 – 20,30 – 21,30

intero 18,00 euro - ridotto Cral Già Banca Toscana 15,00 euro

info e prenotazioni tutti i giorni dopo le 14,00 al n. 333 22 84 784

  

 

Edmondo De Amicis, sì proprio lui, l’autore del celebre “Cuore”, negli anni giovanili, fu inviato a Firenze per dirigere una rivista militare. Da poco la città era divenuta, fra non pochi contrasti, Capitale d’Italia. Di quegli anni intensi, di grande fervore e aspre polemiche,  ne discorre lo stesso De Amicis con l’autore del testo, Marcello Lazzerini ( esperto ormai in interviste in-credibili con personaggi della storia), fornendoci un vivido ritratto del tempo e, in particolare, dei due salotti-rivali più famosi: il “Salotto rosso” di via de’ Benci di  donna Emilia Peruzzi, moglie di Ubaldino, già ministro e Sindaco, fervente patriota dalla forte impronta intellettuale e quello di grande mondanità, di Madame  Marie Studolmine Wyse Bonaparte, cugina di Napoleone III e moglie di Urbano Rattazzi, ex  presidente del Consiglio. In questo nuovo suggestivo allestimento nella Villa della Petraia, residenza allora di Vittorio Emanuele II, da parte della Compagnia delle Seggiole di Fabio Baronti, insieme a Edmondo ed alle due grandi dame del tempo, così diverse e ugualmente intriganti, rivivono i personaggi che fecero la storia – politica, intellettuale e mondana, con gli immancabili pettegolezzi - di quei Salotti, di una Firenze che stava cambiando volto e d’Italia. Tra questi, oltre al giovane De Amicis, tenente e scrittore in erba, il poeta Giovanni Prati, la grande cantante lirica Adelina Patti   colei che aveva incantato con la sua voce Abramo Lincoln) e il noto compositore Luigi Arditi. Un tuffo nel passato, in un anno – il 1869 – in cui stava per chiudersi la parabola di Firenze Capitale del Regno.

 

Selezione musicale

 

I brani musicali proposti sono stati o scritti durante gli anni di Firenze Capitale (1865/1871) o qualche anno prima, ma comunque eseguiti durante quel periodo con grande successo soprattutto nei salotti. A parte uno stornello del Gordigiani e una arietta di Rossini, gli altri brani sono stati selezionati dopo una minuziosa ricerca alla biblioteca Nazionale di Firenze attraverso la stampa dell’epoca e sono oggi perlopiù sconosciuti. Tutti hanno un legame con Firenze e la soprano, diva di allora, Adelina Patti, che firma la musica del pezzo che chiude la pièce, tra le pochissime cantanti compositrici dell’epoca.

 

Elenco dei brani (in ordine cronologico)

 “Lascia stare il can che dorme”

(stornello toscano) - Luigi Gordigiani (Modena 1806-Firenze 1860)

 “L’orologio”

(scherzo per soprano e pianoforte) - Luigi Arditi (Crescentino 1822- Hove 1903)

 “Canzonetta spagnuola”

Gioacchino Rossini (Pesaro 1792-Parigi 1868)

 “La danza d’amore”

(vals per voce e pianoforte) - Rodolfo Mattiozzi (Firenze 1832- 1875)

 “Il bacio d’addio”

(testo versione originale di Lord Byron) - Adelina Patti (Madrid 1843-Graig y Nos 1919)

 

 

 

 

 

 SCARICA IL CALENDARIO IN PDF, KLIKKA QUI 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner